Branco Waingunga

Reparto Baden Powell 

Clan Senza Frontiere

Com. Capi Betelgeuse

La Storia

Parrocchia San Giovanni Battista

Base Zona Netina Madonna della scala

e - mail (accettasi suggerimenti)

1972 - 1992  Venti anni

per "Un cammino di speranza e di impegno"

Presentazione

      L’associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani, della  quale fa parte il Gruppo Avola 3, per l’impegno sociale e cristiano profuso, � un  punto di riferimento nella formazione dei giovani che, specialmente in questo momento di crisi dei valori spirituali, hanno la necessit� d� ritrovarsi insieme per discutere ed operare correttamente.

     Il Gruppo Avola 3,  che la cittadinanza ha imparato a conoscere ed apprezzare, ha curato sia la formazione spirituale che l’aggregazione collettiva, arrivando quest’anno al traguardo dei venti anni di intensa attivit�.

     IL patrocinio del Comune alle manifestazioni previste per il ventennale della nascita del Gruppo Scout Avola 3 , quindi, un doveroso ringraziamento per l’opera sin qui svolta ed un incoraggiamento a proseguire il cammino sulla strada tracciata nell’interesse soprattutto dei giovani per guidarli nelle scelte di vita.

                                                       Il Commissario Straordinario del Comune di Avola

                                                                                         dott. Fulvio Manno

 

     Questa pubblicazione,  pur nella sua sobriet�, risponde, non solo ad un bisogno di informazione, ma anche ad  un dovere di  testimonianza, quella umana e cristiana, svolta dallo scoutismo nella nostra citt� che in oltre quarant’anni di vita ha contribuito a formare e continua a formare onesti cittadini e cristiani autentici.

     Il  ventennale poi del gruppo Avola 3 che la parrocchia di Santa Maria di Ges�. considera parte integrante della sua comunit� � motivo di ringraziamento al Signore e di ulteriore impegno al servizio della Chiesa e del mondo.

                                                  don Antonio Caldarella

                                          parroco S. Maria di Ges� - Avola

 

Tra cronaca e storia

     La vita del Gruppo scout Avola 3 ebbe inizio nel Dicembre del 1971 quando don Rosario Fratantonio, allora parroco della parrocchia di S. Giovanni Battista, espresse a Claudio Nastasi, un capo dell’Avola 2, il desiderio di aprire un gruppo scout presso la propria parrocchia. I capi dell’Avola 2, diretto allora da Salvatore Maiolino, riunitisi per valutare la proposta, decisero di aprire un Branco ed un Reparto legati amministrativamente al proprio gruppo. � per questo motivo che il primo censimento del Gruppo Avola 3 risale al 1973.

     L�11 Gennaio del 1972 si riunirono per la prima volta i lupetti del Branco FIORE ROSSOcon a capo Antonio Giuseppe Guastella ed Enzo Nicastro. Due giorni dopo, il 13 Gennaio, si tenne la prima riunione del Reparto BADEN POWELL� a capo del quale era Corrado Baccio, che sarebbe poi diventato anche Capo Gruppo. Molte furono le attivit� svolte insieme all’Avola 2 nei primi anni di vita del nuovo Gruppo che, ben presto, acquist� totale autonomia.

     Nel 1974, a causa dell’elevato numero degli iscritti, fu chiesto al parroco di mettere a disposizione del Gruppo altri locali; ma la mancata disponibilit� di questi ultimi indusse i capi, nel Dicembre dello stesso anno, a trasferire il Gruppo presso la parrocchia di S. Maria di Ges�, il cui parroco, don Salvatore Bellomia, ospit� le due Unit�. Furono anni difficili quelli vissuti tra il 1972 e il 1974. Tutto era da sistemare: la sede, le basi. le tende .... consolidare le tradizioni che il gruppo man mano acquisiva. Ma lo spirito di laboriosit� e di adattamento che accompagnava le attivit� fecero s� che le difficolt� fossero superate con lo stile che ha sempre contraddistinto l’operato degli scouts.

Nel gennaio 1974 si inser� nel Gruppo Vincenzo Curcio che, dopo un anno di servizio come aiuto Capo Reparto, divenne Akela del Branco “FIORE ROSSO�. Nello stesso anno a S. Maria di Ges� si trasfer� il Clan dell’Avola 2, che assunse carattere cittadino in quanto unico Clan esistente ad Avola, con a capo Pippo Caruso coadiuvato da Nello Ballatore. Cos�, fu solo nel 1975 che l’Avola 3 ebbe un Gruppo completo.

     Nel 1977, a seguito del trasferimento di don Bellomia ed all’insediamento di don Paolo Fortuna nella parrocchia di S. Maria di Ges�, il Gruppo si vide costretto a riportare la sua sede sociale nella parrocchia di S. Giovanni Battista. La mancanza di Capi port� nel 1978 alla chiusura del Clan e spinse la Comunit� Capi, l’anno successivo, a promuovere l’inserimento nel Gruppo di adulti di provenienza extra-associativa. Aderirono i coniugi Riscica, Rubera e D’Amico che si inserirono stabilmente prestando servizio nelle varie Unit�.

     Nel 1980, in localit� “Cardinale�, si svolse il 1� Campo di Gruppo mentre Corrado Baccio per motivi di lavoro lasciava il Gruppo e nel Gennaio 1981 la guida del Reparto venne affidata ad Antonio Trefiletti.

     Due problemi si presentarono alla CO.CA. del tempo: dare stabilit� alla Branca Rovers ed avviare l’inserimento femminile nel Gruppo. Nel Settembre 1981 fu aperto il primo Noviziato misto “SENZA FRONTIERE�, guidato da Antonella Marino e da Antonio Trefiletti che aveva lasciato il Reparto sotto la guida di Giovanni Rizza. Nell’Agosto dello stesso anno il Noviziato partecip� alla Route Regionale Comunit� R-S che aveva come tema: ‘Riconciliarsi per costruire la pace�.

     Nel Dicembre 1982 venne festeggiato il decennale della nascita del gruppo con una mostra-mercato presso il salone di S. Pietro, frutto di parecchi mesi di lavoro da parte di tutte le Unit�. Un decennio questo ricco di impegno e di attivit� che tanto contribuirono a consolidare il Gruppo.

     Anche il 1983 fu un anno significativo: non riuscendo il Branco “FIORE ROSSO� a far fronte alle richieste di iscrizione di nuovi lupetti, venne accolto l’invito di don Antonino Caldarella di aprire un altro Branco presso la parrocchia di S. Maria di Ges�. La direzione del nuovo Branco “WAINGUNGA� fu affidata a Gioacchino Grande e Vera Basile, mentre la direzione del Reparto, quell’anno, venne affidata a Sergio Raniolo. Nello stesso anno si inser� in CO.CA. Saro Caruso che da aiuto di Enzo Curcio, nel Settembre 1987 divenne Akela del Branco “Fiore Rosso�. Contemporaneamente entrarono in CO.CA. Nella Liotta, Giancarlo Rotondo, Pina Restuccia e Aldo Annino; quest’ultimo per motivi di lavoro partecip� attivamente solo per poco tempo.

     Nella Liotta e Giancarlo Rotondo assunsero la guida del Branco “WAINGUNGA� nel 1985 e la mantennero, con la sola eccezione dell’anno scout 1988/89, fino al 1991. Sotto la loro guida il C.d.A. del Branco partecip� al 3� Consiglio degli Anziani Regionale� svoltosi a Catania e che vide la partecipazione di circa 1.000 Lupetti/Coccinelle provenienti da tutta la Sicilia. Nello stesso anno, ad opera di Pina Restuccia, nacquero le prime due squadriglie (Gabbiani ed Albatros) del Reparto Femminile “EDELWEISS�.

     Il     Clan/Fuoco che si era nel frattempo trasferito nella parrocchia di S. Sebastiano (Chiesa Madre), utilizzando i locali dell’ex Badia, nel 1986 partecip� alla Route Nazionale che vide riuniti, ai Piani di Pezza, in Abruzzo, circa 14.000 Rovers/Scolte giunti da ogni parte d’Italia.

     Nel Settembre 1988 la CO.CA., nel tentativo di riunire in un’unica parrocchia tutte le Unit� del Gruppo, si trasfer� in Chiesa Madre il cui parroco, don Emanuele Moncada, si era impegnato a garantire i locali per tutto il Gruppo.

     Ma l’anno successivo il Branco “FIORE ROSSO�, per sopraggiunti impegni di Saro Caruso, venne chiuso mentre il Branco “WAINGUNGA� torn� nella parrocchia di S. Maria di Ges� sotto la guida di Gioacchino Grande. Il Reparto maschile venne affidato a Sergio Raniolo e Corrado Confalonieri, il Reparto femminile a Pina Restuccia e Claudia Migliore, il Noviziato a Paolo Randazzo e Natascia Tiralongo ed il Clan/Fuoco ad Antonio Trefiletti.

     Nello stesso anno (1989) i due Reparti parteciparono al Campo Nazionale E/G “ALISEI� sui monti Nebrodi. Fu questo un periodo in cui si registr� un forte turn-over di capi di cui ne soffr� maggiormente il Reparto maschile che solo nel 1990 ebbe una guida stabile con Gaetano Consiglio aiutato per pochi mesi da Tonino Muccio. In quello stesso anno i due Reparti paralleli formarono il Reparto misto “MAFEKING� ed il Noviziato venne affidato ad Ermanno Santoro e Corrado Migliore.

     L’anno scout 1991/92 fu caratterizzato da una serie di cambiamenti: al Branco and� Gioacchino Grande e Claudia Migliore; Pina Restuccia per sopraggiunti impegni lasci� il Reparto femminile che, ritornato a S. Maria di Ges� come Reparto parallelo “EDELWEISS�, ebbe come capo Nella Liotta e Loredana Migliore come aiuto; il Noviziato fu affidato a Corrado Migliore e Giancarlo Rotondo ed alla guida del Clan/Fuoco rest� Antonio Trefiletti che, dopo dieci anni, lasci� il ruolo di Capo Gruppo a Giancarlo Rotondo e Nella Liotta.

     Nell’Agosto del 1992, il Parco Scout Internazionale di Forge (RC) vide tutte le Unit� riunite per il 2� Campo di Gruppo che diede inizio ai festeggiamenti per il ventennale della nascita dell’Avola 3� e fu anche l’occasione per accogliere in Comunit� Capi Delaide Grasso e Corrado Santoro.

     Il 1992 ha segnato anche l’anno in cui tutto il Gruppo si � riunito in un’unica parrocchia: S. Maria di Ges�. La guida delle Unit� � cos� articolata: al Branco “WAINGUNGA� Claudia Migliore ed aiuti Delaide Grasso e Corrado Santoro; al Reparto maschile “BADEN POVVELL� Gaetano Consiglio ed aiuto Gioacchino Grande; al Reparto femminile “EDELWEISS� Loredana Migliore; Antonio Trefiletti al Clan/Fuoco “SENZA FRONTiERE� aiutato da Giancarlo Rotondo; Capi Gruppo Nella Liotta e Giancarlo Rotondo.

     Il 1993 saluta l’ingresso in CO.CA. di Gaetano Rizza, Marzia Scifo ed Antonio Brisindi ci�, fa ben sperare per il futuro dell’Avola 3.

     In questi ultimi anni molta cura � stata dedicata alla formazione dei Capi che hanno partecipato con entusiasmo ed interesse ai Campi Regionali di Branca e di Formazione Associativa. Significativa � stata anche la partecipazione ai Convegni e Cantieri Nazionali (Giona, Alambicchi etc.) Regionali e Zonali contribuendo ad accrescere le conoscenze pedagogiche e metodologiche dei capi che hanno potuto fornire un servizio pi� qualificato ai numerosi giovani che si sono accostati con entusiasmo alla nostra Associazione.

     Fin qui la cronaca di venti anni di presenza del Gruppo Scout Avola 3 mentre la storia � rappresentata dalla viva testimonianza di centinaia di giovani che la nostra Associazione ha aiutato a crescere, secondo i valori proposti dallo scautismo, contribuendo a farne persone responsabili, buoni cittadini e cristiani autentici.